(ANSA) – ROMA, 7 MAR – Torna la Roma-Ostia Half Marathon il prossimo 12 marzo, e anche quest’anno l’associazione Genitin Onlus (Associazione dei genitori per la terapia intensiva neonatale) parteciperà, correndo con Riccardo, nato prematuro di 31 settimane nel 2008. Operato fin dalla nascita all’intestino e agli occhi, Riccardo presenta numerose difficoltà in ambito motorio e neuro sensoriale e per questo necessita di tante sedute di terapia che gli consentano di diventare più autonomo nel camminare e comunicare. Molti i miglioramenti che è riuscito a compiere negli anni: se da piccolo si muoveva con l’aiuto di un deambulatore, ora può camminare da solo, appoggiandosi ad una mano o un muro, e da qualche mese anche in completa autonomia per qualche passo, grazie a dei tutori sopra il ginocchio e un body contenitivo. Riccardo comunica facendo alcuni gesti, con l’aiuto di immagini e con la propria voce chiama i suoi genitori. Grazie a Genitin Onlus per la prima volta, a dicembre 2016, ha partecipato ad un evento di solidarietà, una staffetta all’interno del Parco di Villa Borghese a Roma. Per la mezza maratona Roma-Ostia correrà su una bicicletta ‘speciale’ per sostenere il progetto ‘I bimbi di Genitin corrono per il nido di Davide’. L’obiettivo è raccogliere fondi per ristrutturare e ammodernare la casa di accoglienza di Genitin Onlus, vicino il policlinico Gemelli di Roma, che offre ospitalità gratuita alle famiglie che risiedono fuori Roma e devono assistere tutti i giorni i loro figli nati prematuramente presso la terapia
intensiva dell’ospedale. La raccolta fondi è possibile grazie a Rete del Dono, piattaforma di crowdfunding per la raccolta di donazioni online per progetti di utilità sociali di organizzazioni non profit. (ANSA).